Museo Egizio di Torino

museo egizio di torino

Il Museo Egizio di Torino è il secondo museo al mondo per importanza per quanto riguarda l’arte e la cultura dell’antico Egitto, secondo solo al Museo Del Cairo. Al suo interno sono custoditi manufatti di ogni genere, che consentono al visitatore di fare un vero e proprio viaggio nel tempo e riscoprire l’affascinante storia della terra dei Faraoni.

Il percorso del museo si articola su quattro piani e si sviluppa cronologicamente coprendo un arco temporale che va dal 4000 a.C. al 700 d.C. Al suo interno sono custoditi più di 37.000 pezzi, una collezione invidiabile e di valore inestimabile. Il visitatore può ammirare, tra le altre cose, la tomba intatta di Kha e Merit, il tempio rupestre di Ellesija, la Mensa isiaca, i rilievi di Djoser, le statue delle dee Iside e Sekhmet e quella di Ramesse II e il Papiro delle miniere d’oro. Il museo custodisce anche il Canone Reale, noto come il Papiro di Torino, importantissimo documento che riporta l’elenco dei sovrani che si sono susseguiti in Egitto, accompagnati dalla loro età e dai mesi di regno. Imperdibile la Galleria dei Sarcofagi, che ospita alcuni tra i più bei sarcofagi esistenti al mondo, alcuni risalenti al 1100 – 600 a.C (Terzo Periodo Intermedio e Epoca Tarda).

Dopo il recente restauro che ha coinvolto il museo, i reperti millenari sono stati affiancati a soluzioni di tecnologia avanzata, come ricostruzioni virtuali di scenari archeologici. Alcuni video 3D degli scavi e fotografie d’epoca trasportano il visitatore nella tomba di Kha, di Nefertari e nella cappella di Maia. Il museo ha sede nello storico Palazzo dell’Accademia delle Scienze ed è aperto il lunedì dalle 9 alle 14 e dal martedì alla domenica dalle 9 alle 18.30. Il sito ufficiale del museo, raggiungibile all’indirizzo http://www.museoegizio.it/ permette inoltre di acquistare direttamente online i biglietti così da riuscire ad evitare la coda all’ingresso e iniziare subito la propria visita in quello che è a tutti gli effetti uno dei più importanti musei al mondo.

 

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+