Sardegna “Capitale” del Turismo Sostenibile

sardegna capitale turismo sostenbile

Avevamo da poco trattato l’argomento turismo sostenibile e torniamo volentieri a parlarne, sia perché è un tema che sta a cuore a tutti noi e sia perché si tratta di un riconoscimento del quale essere orgogliosi. La commissione europea ha infatti insignito la Sardegna in quanto “Prima destinazione sostenibile d’Europa” per quel che riguarda il turismo e ovviamente l’ambiente. Erano 200 le destinazioni in gara a contendersi l’ambito riconoscimento, e tutte decisamente di spicco (tra queste anche Barcellona) ma nessuna di queste era obiettivamente in grado semplicemente di impensierire quella che è una delle zone turistiche d’Italia in cui da sempre è la natura incontaminata ad essere principale protagonista. E’ un premio che va quindi a gratificare e valorizza ulteriormente il territorio e le sue risorse, contribuendo al tempo stesso allo sviluppo e alla crescita economica. Viene premiata l’eccellenza del territorio sardo e la sua immagine nel mondo, in un progetto che ha messo in stretta relazione il turismo ed il rispetto del territorio. I parametri che la commissione ha considerato ai fini del riconoscimento erano la salvaguardia del territorio e dell’ambiente oltre che l’identità del luogo. Un turismo sostenibile è infatti in grado di custodire le bellezze che l’ambiente circostante è in grado di offrire, contribuendo in maniera determinante allo sviluppo economico della regione a tutto vantaggio della popolazione locale ,e non ultime, delle generazioni a venire. E’ un premio che riempie d’orgoglio tutti noi italiani sicuramente, in particolar modo chi è particolarmente vicino al comparto turistico, che sente questa vittoria anche un po’ “sua”. La stagione 2016 inizia dunque sotto la migliore stella possibile per la Sardegna, e speriamo possa essere il preludio di una magnifica Estate ricca, perché no, di ulteriori riconoscimenti di questo tipo che concorrano a dare un’immagine positiva e  vincente del nostro paese nel mondo.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+